Articolo

16 maggio 2019

Statale 34, nuova documentazione per lo stato di emergenza

Cronaca

Una nota della Reggione Piemonte informca che si è tenuto nel pomeriggio nella sede della Regione Piemonte un collegamento in videoconferenza con Roma sul tema della SS 34. Erano presenti per la Regione il vicepresidente Aldo Reschigna e alcuni dirigenti. Da Roma il capodipartimento della protezione civile Angelo Borrelli e il sottosegretario del MISE Davide Crippa.

La Regione, nei prossimi giorni, provvederà a trasmettere al dipartimento della protezione civile ulteriori studi che nel frattempo sono stati completati dai tecnici incaricati dall’Unione dei comuni del Lago Maggiore. In particolare questi studi si riferiscono alla puntuale individuazione di tutti gli interventi necessari sui versanti della importante arteria stradale. Su tale ulteriore documentazione il dipartimento della protezione civile si dovrà esprimere per decidere l’accoglimento o meno della richiesta della dichiarazione di stato di emergenza.

E’ inoltre pervenuta l’autorizzazione da parte del dipartimento della protezione civile sull’istanza della Regione di utilizzo di economie derivanti da contabilità speciali su eventi alluvionali pregressi. Tali economie sono destinate, all’interno di un programma complessivo, anche a tre interventi nel Vco: 300 mila euro al Comune di Bannio Anzino per la sistemazione idrogeologica del bacino del rio Ca’ Filippo; 510 mila euro al Comune di Macugnaga per la sistemazione idrogeologica dei torrente Anza; 2,2 mln di euro al Comune di Premia per la sistemazione idrogeologica del bacino del rio Cingio. Inoltre, accogliendo la richiesta presentata dalla Provincia del Vco su un pronto intervento per la frana nel comune di Mergozzo, che ancora oggi impedisce il transito sulla strada provinciale, sono stati stanziati 380 mila euro. (foto archivio, frana sulla statale 34)