Articolo

03 giugno 2015 CREVOLADOSSOLA

Crevola, Rondinelli: "Non farò l'assessore"

Lettere
Riceviamo e pubblichiamo la lettera di saluto dell'ex sindaco di Crevoladossola. Sono passati pochi giorni dall’esito delle elezioni comunali di Crevoladossola, e con queste righe vorrei ringraziare veramente di cuore tutti i Crevolesi che hanno rinnovato così grandemente la fiducia alla nostra lista “Per Crevoladossola”, per consentirci di dare continuità al mandato amministrativo ricevuto ormai 5 anni orsono. Ho già spiegato le ragioni per cui non avrei potuto ricandidarmi eventualmente come Sindaco, e sono le medesime per cui pur apprezzando moltissimo la stima che il nuovo Sindaco Giorgio Ferroni mi ha prospettato con la proposta di un assessorato, ora sono a declinare tale cortese invito ringraziandolo ad ogni modo per esso. I miei impegni lavorativi sono tali da non consentirmi di poter svolgere tale ruolo con la assiduità e presenza che sono necessarie per rivestirlo. Non nego che il consenso personale ottenuto con le elezioni non mi abbia fatto rifletterci sopra, perché il senso di dovere civico verso i miei concittadini è sempre massimo, ma proprio per questo ho scelto questa via. Per servire il mio comune non mi è necessario comunque tale veste. Il ruolo di consigliere infatti mi consente di rimanere sempre a disposizione dei miei concittadini, che mi troveranno sempre, e delle cui istanze mi farò portavoce all’interno del consiglio comunale e con l’amministrazione tutta che fa comunque del cittadino stesso il punto centrale della propria attività. La soddisfazione più grande per me in questo momento è l’aver contribuito a dare continuità alla mia amministrazione ed ai nostri progetti per una Crevoladossola sempre migliore. Oltre che positivi, sono stati anni comunque anche duri ed intensi, caratterizzati spesso da aspre polemiche e forti prese di posizione, che seppur insite in una vita di una amministrazione qualunque essa sia, mi portano ad auspicare per il futuro, come dichiarato durante l’ultimo consiglio comunale, che vi sia un dibattito costruttivo sempre e comunque. Io ho sempre affermato che sarebbero stati i cittadini a giudicare se avessimo fatto bene o male, quando trovandosi nell’urna elettorale avrebbero posto la croce sul simbolo che più intendevano premiare. Ebbene hanno scelto la continuità, e lo hanno fatto con numeri che sono andati ben oltre la migliore delle ipotesi, e per me come uomo ancora prima che amministratore è un segnale di stima e fiducia da parte di un’intera comunità che ha siglato quanto il lavoro svolto sia stato apprezzato. Tutto il lavoro fatto in questi 5 anni è giunto al suo riconoscimento massimo ed auspicato per noi che tanta passione abbiamo messo in questo. Esco quindi fiero di aver contribuito insieme alla squadra che si trova ora a rappresentare Crevoladossola a realizzare un qualcosa di importante, e ne esco orgoglioso di averlo fatto! È stato un percorso che rimarrà indelebile nella mia vita e che porterò sempre con me e con la mia famiglia. Grazie Crevoladossola Giovanni Rondinelli