Articolo

29 aprile 2021 VERBANIA Patrizia Salari

Consiglio comunale a Verbania. Tra i principali punti in discussione l'approvazione del rendiconto di gestione e la variante parziale al Piano Grande di Fondotoce

Cronaca Prima pagina

Solo cinque i punti discussi la sera di ieri, mercoledì, nel consiglio comunale a distanza di Verbania. La prima ora della riunione è trascorsa cercando di decidere se inserire o meno la mozione (poi inserita) del consigliere Giorgio Tigano sulla sanità. Il consiglio è proseguito con l’approvazione del rendiconto di gestione presentato dall'assessore Anna Bozzuto. «E’ stato un anno straordinario il 2020 in cui il Comune ha dovuto da un lato affrontare l’emergenza e dall’altro continuare con la gestione ordinaria. In tutto questo sono state messe in cantiere e realizzate opere importanti per la città e siamo riusciti ad avere un bilancio virtuoso e solido e un avanzo di ’amministrazione importante che dovrà come sempre essere usato con buonsenso, prudenza e oculatezza». Entrando nei numeri sono oltre 4.500.000 euro gli aiuti, i ristori che il Comune di Verbania ha incassato nel 2020 per far fronte alla pandemia e alle sue conseguenze. Il risultato di amministrazione al 31 dicembre dell’anno scorso è di 8.136.744 euro con un avanzo disponibile di 1.924.862 euro. Proprio sull’avanzo la minoranza, a partire dal consigliere della Lega, Michael Immovilli, ha chiesto di essere coinvolta sul suo utilizzo. Il capogruppo 5 Stelle Roberto Campana ha domandato l’istituzione di una commissione ad hoc. Con 20 voti favorevoli e 10 contrari il documento economico è stato approvato. Approvato invece con 19 voti a favore, 2 contrari (Laura Sau e Michela De Nicola), un astenuto e 6 consiglieri che non hanno partecipato, il punto sulle controdeduzioni alle osservazioni e l’adozione del rapporto ambientale della variante parziale 37 al Piano Grande di Fondotoce. All’assessore Giovanni Margaroli il compito di riassumere il documento che prevede 4 diversi interventi: uno in via alla Bolla a Intra con la trasformazione di un terreno da agricolo in turistico; l’intervento in via Malpensata e i due lotti del Piano Grande con la modifica del rischio idrogeologico e l’ampliamento dei servizi per il campeggio nell’area del Campo da golf. «Non voterò questo punto - ha detto Campana - ma sono qui per dare voce ad una parte di popolazione che è contraria all'iniziativa. Citando le parole di un esponente vostro, del centro sinistra (Claudio Zanotti) vorrei ricordare che con questa variante la Club House del golf potrebbe avere fino a 3 piani e che questo progetto ci preclude di fatto la possibilità di avere la pista ciclabile a lato lago. E poi c’è anche la questione della pista per Bmx con il suo enorme edificio. Siamo arrivati alla saturazione turistico-ricettiva della Piana di Fondotoce e bisognerebbe mettere un punto». «Più che assoggettare questa variante alla Vas cosa potevamo fare? Abbiamo operato nel massimo della trasparenza» ha concluso Margaroli.