Articolo

22 ottobre 2021 PIEVE V. Roberto Bioglio

Derek, il cane trovato accanto alla proprietaria morta e con segni di aggressione, potrebbe essere trasferito in un centro specializzato

Cronaca Prima pagina

È ancora sotto sequestro ma potrebbe essere presto trasferito in un centro specializzato per la riabilitazione di soggetti con problematiche comportamentali, il cane Derek, protagonista qualche mese fa dell'episodio avvenuto a Pieve Vergonte, quando venne trovata senza vita Lorenza Pioletti, con chiari segni di aggressione da parte dell'animale. A comunicarlo è il presidente dell'associazionee di volontariato "Amici del Cane" di Omegna, Gianluca Ottone, che gestisce il canile dove l'animale è in custodia. «Derek, l’amstaff di Pieve Vergonte - dice Ottone - è ancora sotto sequestro, purtroppo trascorre le sue giornate unicamente in un box doppio senza poter sgambettare nel parco, box dotato di passacane per permettere le normali operazioni di pulizia e di somministrazione di acqua e cibo. Il tutto senza che venga in contatto con operatori o suoi simili, in ottemperanza al provvedimento di sequestro. In queste settimane non ha mai causato problemi, non ha mai dato segni di aggressività anche se, comprensibilmente, inizia sempre più a mostrare insofferenza verso le sue condizioni di detenzione, che si protraggono da fine agosto. Questa non può e non sarà la sua condizione definitiva. In questo periodo, gli operatori e noi consiglieri, ci siamo impegnati a cercare soluzioni alternative: l’unica, secondo noi e secondo la missione dello statuto della nostra associazione “salvaguardia e tutela dei cani”, sarebbe quella di affidarlo ad  centro specializzato. Tra i diversi contattati ne abbiamo individuato uno, un centro di indiscussa fama. La nostra proposta è stata accolta positivamente sia dal Comune di Pieve Vergonte, sia dal Dipartimento veterinario dell'Asl. Ora restano da definire alcuni passaggi formali e burocratici. Sono passate troppe settimane, il percorso di Derek speriamo abbia finalmente inizio».