Articolo

24 maggio 2018 VERBANIA Redazione

Truffa del finto incidente, arresto a Verbania

Cronaca

Il truffatore telefona alla vittima designata, comunicandogli di un falso incidente occorso ad un proprio familiare di cui millanta di essere amico. Con un pretesto, chiede una somma di danaro dicendo che serve per aiutare il proprio familiare in difficoltà.

Un analogo copione è andato in scena a Verbania lunedì scorso, allorquando D.R.V. di 28 anni residente in provincia di Napoli, ha telefonato ad un anziano signore e, millantando di essere un maresciallo dei Carabinieri, gli ha riferito che suo figlio aveva avuto un incidente stradale poco prima, aggiungendo che da una verifica della patente di guida del figlio, la stessa risultava essere scaduta, perciò, per evitargli una denuncia avrebbe dovuto pagare una sanzione di 6.000 euro che, un conoscente del figlio sarebbe passato a prelevare direttamente a casa del malcapitato. Il piano criminoso ben architettato, ha subito però un imprevisto: quando D.R.V. si è presentato a casa dell’anziano, spacciandosi per l’amico di suo figlio e chiedendo i seimila euro, è sopraggiunto proprio il figlio della vittima, allertato, nel frattempo da suo fratello che era stato informato dal padre dell’episodio del falso incidente stradale. A questo punto il truffatore, vistosi scoperto, si è dato subito alla fuga, non appena il figlio della vittima gli ha chiesto il motivo per il quale si fosse recato a casa del genitore.

Scappato in strada ed inseguito dal figlio della vittima, veniva subito intercettato da una volante della Polizia di Stato che, notata la scena, bloccava e successivamente arrestava il truffatore, recuperando anche due suoi telefonini di cui aveva tentato di disfarsi, nella fuga, gettandoli in strada. Dopo gli accertamenti di rito il giovane truffatore è stato associato alla Casa circondariale di Verbania. Dai primi controlli esperiti sul conto di D.R.V., è emerso che il giovane aveva già numerosi precedenti di polizia a carico, per reati contro il patrimonio, truffa nonché in materia di stupefacenti. Per quest’ultimo reato era già stato arrestato nel 2008.La Polizia di Stato sta indagando anche su un altro tentativo di truffa avvenuto nella stessa mattina di lunedì, con analoghe modalità, avvenuto sempre a Verbania.