Articolo

26 dicembre 2020 DOMODOSSOLA Arianna Parsi

In vista della nevicata di lunedì il Comune di Domodossola ha istituito un'email a cui rivolgersi in caso di disservizio

Cronaca Prima pagina

Un’e-mail a cui scrivere in caso di disservizi legati alla nevicata prevista per lunedì. Così l’amministrazione comunale di Domodossola risponde alle critiche sulla gestione del piano neve in occasione dell’ultima precipitazione. Lo spiega dal suo profilo Fb il sindaco, Lucio Pizzi: «Abbiamo appreso dai canali di informazione meteo che per il prossimo lunedì è prevista un’altra nevicata. Per rendere più efficace l’attuazione del piano neve l’amministrazione comunale ha ritenuto utile predisporre un indirizzo mail dedicato: servizioneve@comune.domodossola.vb.it affinché ciascuno possa indirizzare eventuali segnalazioni di effettivi disservizi, preferibilmente corredati da documentazione fotografica. Il sistema permetterà di sollecitare tempestivamente le ditte incaricate del servizio oltre a consentire all’amministrazione, se ce ne fossero gli estremi, di contestare i reali disservizi e applicare le sanzioni del caso, come già avvenuto in passato. Quindi il sindaco spiega le linee di intervento previste dal piano neve: «Dal 2017 la programmazione del servizio di sgombero neve prevede la suddivisione della città in 12 zone delimitate da precise planimetrie, la cui competenza di intervento è stata affidata, tramite bando di gara ad evidenza pubblica, a sette ditte. Le ditte responsabili devono effettuare il servizio intervenendo ogniqualvolta il manto nevoso avrà raggiunto l’altezza di 5 centimetri (non prima per evitare che i mezzi spartineve danneggino la superficie stradale), in modo tale che la neve caduta sul piano viabile sia rimossa all'esterno dello stesso così da lasciarlo sgombro e garantire innanzitutto la viabilità principale e poi la viabilità secondaria. Lo sgombero neve dai marciapiedi è previsto unicamente in alcuni punti sensibili della città quali ad esempio scuole, ospedale, stazione, edifici comunali e non potrebbe essere altrimenti sia per questioni organizzative che di costi. Le ditte, su espressa richiesta della stazione appaltante, effettuano le operazioni di rimozione della neve solo limitatamente ad alcune zone e, in questo caso, con costi aggiuntivi. Il servizio di spargimento sale, che riduce ma non annulla il rischio di ghiaccio, si svolge ogni qualvolta le condizioni meteo lo rendano necessario ma tenendo comunque presenti le controindicazioni tecniche (il sale, in quanto corrosivo, danneggia le auto e il manto stradale) e il contemperamento economico applicato a tutte le operazioni del piano neve». E si legge infine: «L’amministrazione omunale è impegnata affinché le ditte affidatarie svolgano il servizio con puntualità ed efficacia ma risulta necessaria un po’ di cortese collaborazione anche da parte dei nostri concittadini, i meno giovani dei quali, tra cui il sottoscritto, ricorderanno di quando molti, se non tutti, si preoccupavano di dare il loro contributo con spirito di comunità, intervenendo direttamente sul marciapiede o sul parcheggio di fronte a casa o al negozio e sopportando con un po' di buon senso i piccoli grandi disagi che comporta abitare in zone di montagna».