Articolo

24 febbraio 2021 GIGNESE t.a.

Voleva togliersi la vita. Un anziano a Gignese salvato dall'intervento dei Carabinieri

Cronaca Prima pagina

E’ successo nel pomeriggio di ieri, martedì 23 febbraio. Un uomo voleva farla finita dandosi fuoco, ma il tempestivo intervento dei Carabinieri gli ha salvato la vita. Il fatto è accaduto a Gignese, dove gli uomini della sezione Radiomobile di Verbania, assieme ai colleghi della stazione di Stresa, si sono portati tempestivamente sul posto scongiurando il peggio. Intorno alle 14 alla Centrale operativa del Comando provinciale Carabinieri è arrivata la chiamata di una donna che, in preda al panico, chiedeva l’intervento dei militari perché il proprio suocero, un 72enne di Gignese, con il quale aveva avuto un’accesa lite, era uscito di casa diretto verso il bosco con l’intento di togliersi la vita. Con sé aveva una tanica di benzina e un accendino. In pochi minuti due equipaggi dei Carabinieri di Stresa e Verbania hanno raggiunto la casa della donna e dopo le dovute indicazioni si sono addentrati nella zona boschiva alla ricerca del 72enne. Dopo circa un chilometro percorso su un sentiero particolarmente impervio sul versante della valle dell’ermo, in località Mulini, i militari hanno visto in lontananza la figura dell’anziano con in pugno una tanica rossa. Accortosi della presenza dei carabinieri, «in preda ad una crescente agitazione - hanno fatto sapere in una nota dal Comando di Verbania - l’uomo si è buttato in una rupe boschiva nel tentativo di non farsi raggiungere, scivolando violentemente verso valle per alcune decine di metri». Nonostante le diverse contusioni riportate nella caduta, l’uomo si è rialzato e senza perdere tempo si è cosparso il corpo di benzina, versandone anche sul fogliame che lo circondava. Senza esitare nemmeno un minuto i militari si sono gettati nella rupe e, nonostante la brutta caduta e diverse ferite riportate, un attimo prima che il 72enne si desse fuoco sono riusciti a bloccarlo e a togliergli di mano l’accendigas già in funzione. Sul posto sono poi giunti i soccorritori del 118 e i Vigili del fuoco, il cui intervento è stato necessario per recuperare dalla rupe, con l’apposita imbracatura, l’anziano e i carabinieri rimasti feriti. L’uomo è stato medicato e trasferito all’ospedale di Borgomanero, dove è stato ricoverato nel reparto di Psichiatria. I militari, che hanno riportato diverse contusioni e qualche graffio, sono stati visitati al Dea dell’ospedale Castelli di Verbania.