Articolo

22 dicembre 2022 VOGOGNA Roberto Bioglio

Locali pubblici banditi a un 40enne, la decisone del questore del Vco Luigi Nappi

Cronaca Prima pagina
Non potrà entrare nei pubblici esercizi e nei locali di pubblico intrattenimento per due anni: è questo il provvedimento assunto dal questore del Verbano Cusio Ossola, Luigi Nappi, nei confronti di un 40enne di origine albanese residente a Domodossola che lo scorso aprile, mentre si trovava nel parcheggio dell’"Alvin night club” di Vogogna, dopo aver avuto una discussione con un avventore del locale per futili motivi, lo aggrediva a calci e pugni, ferendo gravemente a coltellate lui e un parente dell’uomo che aveva tentato di fermarlo. Dopo il pestaggio, infatti, il 40enne era andato a recuperare anche un coltello nella propria auto con l’intento di colpire il suo avversario; un parente dell’aggredito che aveva assistito alla scena si era frapposto tra i due e si era preso una coltellata al torace con una profonda lesione all’arteria succlavia-ascellare; l’albanese era poi riuscito a ferire anche l’avventore del locale con una coltellata al fianco. Spiegano dalla Questura: «Considerato che il fatto, estremamente grave, è accaduto presso un esercizio pubblico altamente frequentato da numerosi avventori e che la condotta dell’uomo ha esposto a grave pericolo l’incolumità e la sicurezza pubblica, considerando anche che ha già a suo carico due condanne per lesioni dolose e porto abusivo di armi, il questore ha disposto nei suoi confronti il divieto di accedere al locale per due anni, tutti i giorni dalle 18 alle 7, vietandogli inoltre di sostare nelle aree immediatamente adiacenti all’ingresso. La violazione del divieto comporta la pena della reclusione da sei mesi a due anni e la multa da 8.000 a 20.000 euro». Si tratta del sesto provvedimento di questo tipo, dall’inizio dell’anno, emesso dal questore di Verbania dopo l’inasprimento delle norme contro la movida violenta introdotte dopo l’omicidio del 21enne Willy Monteiro Duarte, avvenuto a Colleferro (Roma) Locanella notte del 6 settembre 2020.