Aggiornato al 30 Maggio 2024

Caso “corvo”, il gip si riserva

Nessuna decisione da parte del giudice per le indagini preliminari sul caso “corvo”. Oggi era in programma l’udienza nella quale si doveva discutere della opposizione presentata dall’ex sindaco Marco Zacchera alla richiesta di archiviazione che la Procura ha avanzato nei confronti dell’addetto stampa del Comune Massimo Parma, unico indagato assieme all’ex assessore Massimo Manzini nella vicenda della lettera anonima inviata all’allora primo cittadino oltre un anno fa.

Udienza a porte chiuse, al termine della quale – dopo che le tre parti, cioè Procura, difesa di Parma e Zacchera, hanno esposto ciascuna le proprie ragioni – il giudice si è riservato la decisione. Del resto la questione è molto complessa e Zacchera, nella memoria consegnata come opposizione all’archiviazione, chiede che su Parma venga eseguita una piuttosto nutrita serie di ulteriori accertamenti e indagini. Il gip ha queste strade davanti: ritenere il caso chiuso e disporre l’archiviazione dell’addetto stampa; ritenere che l’opposizione abbia una qualche fondatezza e disporre un supplemento di indagine; oppure giudicare gli elementi portati alla sua attenzione bastanti per disporre l’imputazione dello stesso Parma. Impossibile sapere quando il gip scioglierà la riserva: sarà prima o dopo le elezioni?Caso “corvo”, il gip si riserva

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

IMG-FALL