Aggiornato al 14 Giugno 2024

Vaccini agli ultra 70enni, le pre adesioni da lunedì 15 marzo

Sono oltre 130mila gli over 80 già vaccinati in Piemonte, ma la notizia importante confermata in queste ore è che da lunedì 15 marzo si apriranno le pre adesioni per gli ultra 70enni. Chi ha un’età compresa tra i 70 e i 79 anni (compresi i nati nel 1951) potrà esprimere la preadesione tramite il portale www.ilpiemontevaccina.it. La richiesta arriverà in modo automatico al proprio medico di Medicina generale, che si accorderà con il paziente per fissare la data della vaccinazione ed eseguirla con il vaccino AstraZeneca nel suo ambulatorio, oppure in un ambulatorio messo a disposizione dall’azienda sanitaria del territorio. Sempre da lunedì 15 marzo si apriranno le prenotazioni anche per le persone in condizione di “estrema vulnerabilità”. Rientrano in questa fascia soggetti affette da una delle 13 patologie indicate dal piano nazionale: malattie respiratorie; malattie cardiocircolatorie; condizioni neurologiche e disabilità fisica, sensoriale, intellettiva, psichica; diabete e altre endocrinopatie severe quali il morbo di Addison; fibrosi cistica; pazienti sottoposti a dialisi; malattie autoimmuni e immunodeficienze primitive; malattie epatiche; malattie cerebrovascolari; patologie onco-ematologiche ed emoglobinopatie; sindrome di Down; trapianto di organo solido e di cellule staminali emopoietiche, grave obesità. In questo caso l’adesione va comunicata al proprio medico di famiglia e la vaccinazione sarà fatta in uno dei punti della propria Asl con vaccini Pfizer e Moderna. Dalla settimana prossima si partirà anche con l’adesione per chi convive con pazienti affetti da specifiche patologie. Tutto questo mentre si fa sempre più concreto uno scenario da “zona rossa” per il Piemonte. Indicazioni più precise sono attese già oggi, giovedì 11 marzo. Da lunedì 8 il Piemonte è tornato in “zona arancione” e per gli studenti è stato il momento di tornare ad accendere il computer, con la chiusura delle scuole che è scattata per gli istituti di ogni ordine e grado nell’Ossola e nel Verbano e solo dalla seconda media in su nel Cusio, che si è in parte “salvato” (almeno per qualche giorno in più) dalla serrata totale.

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

albertella