Aggiornato al 20 Maggio 2024

Sanità, il futuro della manager dell’Asl Vco, Chiara Serpieri e i tempi della Padiatria di Domo

L’inaugurazione dei nuovi posti letto alla Rianimazione di Domodossola, mercoledì della scorsa settimana, è stata l’occasione per poter chiedere alla direttrice generale dell’Asl, Chiara Serpieri, come procedono i lavori per la nuova Pediatria, le liste d’attesa e il suo futuro di responsabile della sanità provinciale la cui nomina spetta alla Regione Piemonte, che a giugno rinnova il presidente e il consiglio regionale.

Rianimazione a Domodossola con raddoppio dei posti letto. E’ soddisfatta?

«Sono doppiamente soddisfatta per essere riuscita a concludere gli interventi nei tempi previsti, oltre che poter offrire un reparto all’avanguardia per gli utenti. Interessante la scelta di poter essere più accoglienti, soprattutto per i parenti, oltre che predisporre dei posti letti per particolari situazioni a rischio come accaduto per il Covid. Un ringraziamento al dirigente del reparto e alla sua équipe per aver seguito passo passo la situazione e permesso di arrivare a questo ottimo risultato».

Avevate promesso l’apertura della nuova Pediatria a Domodossola a fine gennaio. I lavori, come abbiamo documentato noi di Eco Risveglio, ci sembrano in forte ritardo. Come mai?

«I lavori hanno avuto dei ritardi per motivi burocratici, anche se abbiamo realizzato più di quello che era previsto. Nelle prossime settimane sarà tutto concluso e anche questo intervento, che si prospetta molto bello ed accogliente, diventerà operativo».

Ci può indicare una data?

«All’inizio di maggio dovremmo riuscire ad avere concluso l’intervento con i collaudi a cui seguirà l’inaugurazione».

Liste d’attesa, un grosso problema visto il mancato rispetto dei termini di legge.

«Nonostante le difficoltà che abbiamo in comune con altre   aziende dovute alla mancata presenza di specialisti, la situazione non è peggiore rispetto ad altre realtà. Non nascondo che abbiamo qualche difficoltà grave rispetto ad alcuni esami e visite, ma per questo abbiamo appena presentato il progetto d’intervento del Governo per poter avere fondi aggiuntivi da destinare a ridurre le liste d’attesa con interventi economici mirati. Speriamo con questo di poter dare una risposta al problema».

Il suo mandato è in scadenza. Sa quale sarà il suo futuro lavorativo?

«Il mio incarico scadrà il 31 maggio. Con la Regione non è stato ancora deciso nulla, ma molto probabilmente si potrebbe andare ad una proroga fino a fine anno. Io sono qui a disposizione di quello che mi verrà assegnato».

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

IMG-20240518-WA0002