Articolo

03 giugno 2020 MACUGNAGA Roberto Bioglio

Impianti di risalita di Macugnaga, scoppia il caso

Cronaca Prima pagina

La questione del rifacimento degli impianti di risalita del comprensorio Pecetto Burky Belvedere di Macugnaga sta facendo discutere a Macugnaga. Dopo il consiglio comunale del 22 maggio si è registrata una spaccatura tra la maggioranza guidata dal sindaco Stefano Corsi e la minoranza della lista “Macugnaga Adesso”, composta dal capogruppo Vincenzo Talarico e da Mattia Marone e Mario Ermini Burghiner. Oggetto del contendere la scelta della maggioranza di non affidare la progettazione della seggiovia alla società MonteRosa 2000 spa, scelta che a detta della minoranza metterebbe a rischio il finanziamento di 7,5 milioni di euro stabilito dalla Regione nel 2019; la minoranza ha chiesto di convocare un consiglio comunale per riferire sull’esito di una riunione tenutasi a Torino il 27 maggio scorso. Intanto lunedì 2 giugno un gruppo di proprietari di seconde case di Macugnaga ha deciso di presentare un esposto denuncia all’Anac (Autorità nazionale anticorruzione), al prefetto di Verbania e alla Procura della Repubblica. L’esposto, scritto dallo studio legale Salerno di Milano, riguarda l’affidamento della progettazione della seggiovia fatto il 24 gennaio scorso dal Comune a favore della società torinese Ccm Finotello srl, che secondo i denuncianti presenterebbe alcuni aspetti poco chiari.