Aggiornato al 18 Luglio 2024

Uno spacciatore seriale di Omegna di 26 anni “sorvegliato speciale”

E’ stato a seguito della proposta del questore del Vco, Luigi Nappi, che il 21 gennaio scorso il tribunale di Torino, Sezione misure di prevenzione, «ha emesso un decreto applicativo della misura di sorveglianza speciale di pubblica sicurezza – hanno fatto sapere dalla questura – per due anni con obbligo di soggiorno» nei confronti di un noto pregiudicato omegnese di 26 anni. «Il cusiano negli ultimi anni – hanno fatto sapere ancora dalla questura – si è reso protagonista di numerosi reati inerenti lo spaccio di sostanze stupefacenti, sia in nel Vco che in altre province anche fuori dalla regione, che hanno destato un certo allarme sociale. Per questi reati il 26enne ha subìto condanne, mentre per fatti più recenti sono in corso procedimenti penali». Di fatto il tribunale di Torino, dopo la richiesta del questore, ha riconosciuto la pericolosità dell’omegnese e pertanto ha stabilito che N.B. per due anni sarà obbligato a soggiornare nel suo comune di residenza, quindi non potrà allontanarsi dalla sua dimora senza dare avviso alla questura. Inoltre dovrà rientrare a casa alle 21 e non uscire prima delle 7, non dovrà frequentare persone colpite da condanne o sottoposte a misure di sicurezza o di prevenzione, dovrà dedicarsi alla ricerca di un lavoro e non potrà accedere agli esercizi pubblici tra le 18 e le 21. «La finalità del provvedimento di sorveglianza speciale – hanno fatto sapere infine dalla questura – è quella di obbligare il giovane a reinserirsi nella società, rispettando le regole di civile convivenza nel rispetto della legalità». Vale ricordare che nel corso del 2021 sono state 13 le proposte di sorveglianza inoltrate dal questore del Vco al tribunale di Torino. 

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

IMG-FALL
santanche-1