Aggiornato al 25 Giugno 2024

Molesta due ragazzine, pensionato 67enne fermato dai carabinieri

Fine settimana intenso per i carabinieri del Comando provinciale di Verbania, impegnati nei consueti controlli del territorio. Sono state cinque le persone denunciate dai militari a vario titolo. Il fatto più grave è quello avvenuto a Domodossola, dove un uomo ha iniziato a seguire e a molestare con insistenza due ragazzine di 12 anni che, terrorizzate, si sono rifugiate all’interno di un’abitazione. «Per nulla scoraggiato – hanno fatto sapere i Carabinieri – l’uomo ha iniziato a suonare senza sosta il campanello per farsi aprire dai proprietari della casa». A chiamare i militari dell’Arma è stata la mamma di una delle due giovani fornendo la posizione della figlia. Ed è stato immediato l’intervento della pattuglia dell’aliquota Radiomobile dei Carabinieri di Domodossola, che ha tempestivamente individuato e fermato l’uomo. Si tratta di un 67enne residente in Ossola senza precedenti penali, che con sé aveva un coltellino multiuso. Una volta condotto in caserma per gli accertamenti del caso, non ha fornito spiegazioni in merito al suo gesto. Il pensionato ora dovrà rispondere di molestie e porto abusivo di oggetti atti ad offendere. Ed ancora il pomeriggio di domenica i carabinieri di Bannio Anzino «hanno denunciato a piede libero – hanno fatto sapere – un turista residente nel Milanese per incendio boschivo colposo. I militari avevano notato quello che sembrava un principio d’incendio in una zona boschiva, dove poi sono andati a controllare». Una volta sul posto hanno appurato la presenza delle fiamme ed identificato il turista che le aveva provocate. «Il giovane – hanno fatto sapere ancora dall’Arma – credendola spenta aveva gettato la brace utilizzata per una grigliata. L’incendio, che ha interessato solo un centinaio di metri quadri di terreno, è stato poi spento da una squadra di Vigili del fuoco di Verbania e da una squadra dell’Aib della valle Anzasca». In merito alla sicurezza stradale, invece, i Carabinieri hanno ritirato due patenti per guida in stato di ebbrezza. La prima ad una giovane residente in provincia, fermata ad Ornavasso, risultata positiva all’etilometro con un tasso alcolemico di circa tre volte superiore al consentito. La seconda patente è stata invece ritirata ad un ragazzo che a Vignone è stato sorpreso alla guida della propria auto con un tasso alcolemico superiore al doppio del massimo consentito. 

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

foto-per-sito-controlli-cc