Aggiornato al 21 Febbraio 2024

Tagli del Governo ai fondi Pnrr. L’amarezza del sindaco di Baveno Alessandro Monti

«Amarezza e delusione». E’ questo lo stato d’animo del sindaco di Baveno, Alessandro Monti, dopo aver appreso i tagli del Governo nazionale ai fondi europei del Pnrr che impattano sul progetto della pista ciclo pedonale. «Lo scorso anno, a settembre 2022, come Comune abbiamo partecipato ad un bando che riguardava tre tipologie di categorie, il rischio idrogeologico, la messa in sicurezza di strade e ponti e per interventi energetici sugli edifici. Noi lo abbiamo fatto per il tratto di pista ciclabile. A maggio 2023 è stato pubblicato il decreto di assegnazione a Baveno, e a metà luglio il decreto viene pubblicato e ci viene confermato che il Comune di Baveno era nell’elenco dei soggetti finanziati per 900mila euro circa, e come Comune avremmo compartecipato con circa 300mila euro. Il 2 agosto ci arriva una Pec dal Ministero degli Interni che in sostanza dice: per questo bando verranno finanziati soltanto i bandi che riguardano la messa in sicurezza degli eventi a rischio idrogeologico. A questo punto immagino che tutto sia dovuto ai tagli sul Pnrr di cui tanto si sta parlando. Naturalmente non è un problema solo di Baveno, ma di un totale di 520 Comuni in tutta Italia ai quali vengono sospesi i pagamenti. Quello che più mi amareggia è che dietro a tutto questo ci sono ore di lavoro degli uffici che hanno preparato gli incartamenti. Ritengo con questo atteggiamento che ci sia veramente poco rispetto verso gli amministratori come noi che lavorano su questi bandi da sempre e con grande fatica. Cosa succederà dopo non lo sappiamo, qualcuno dice che verranno rifinanziati, ma ad oggi non abbiamo alcuna conferma», ha concluso Monti durante l’incontro convocato questa mattina in municipio assieme agli assessori Massimo Tamburini ed Emanuele Vitale. 

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

drone
andrea-amabile