Articolo

09 marzo 2022 VERBANIA Roberto Bioglio

La sera di martedì nuovi arrivi di profughi a Verbania. Si tratta di una donna incinta con un bambino di tre anni malato di cuore. Oggi per lui la visita in Pediatria al Castelli

Cronaca Prima pagina

Ci sono anche una donna incinta e un bambino di tre anni con problemi cardiaci tra i profughi arrivati la sera di ieri, martedì, all’ostello di Verbania. A darne notizia è la sindaca del capoluogo, Silvia Marchionini, che spiega: «Il bambino ha problemi cardiaci molto gravi e secondo quanto ci hanno riferito doveva già essere operato al cuore in Ucraina». Poi purtroppo allo scoppio del conflitto è dovuto fuggire dalla sua casa ed è arrivato a Verbania dove i famigliari avevano dei contatti con connazionali in città da tempo. Nel pomeriggio di oggi, mercoledì, il piccolo verrà visitato dai pediatri e dai cardiologi dell’ospedale Castelli di Verbania per decidere il da farsi. Anche la donna verrà visitata nel nosocomio verbanese. Nel frattempo sono 14 i profughi attualmente ospitati nell’ostello di Verbania (foto), dove l’amministrazione comunale ha ricavato 22 posti letto estensibili in caso di necessità fino a 40. A questi 14 (quasi tutti donne e bambini, la più grande una ragazzina di 15 anni, il più piccolo un bambino di un anno e mezzo in Italia con il nonno e la nonna) vanno aggiunti una trentina di ucraini ospitati a casa di parenti e amici. In tutto sono una decina i bambini presenti in città che nei prossimi giorni dovrebbero iniziare a frequentare le scuole verbanesi.