Aggiornato al 19 Aprile 2024

Domo, scoperte 5 case di piacere Arrestata una cittadina cinese

Nell’ambito dell’attività di monitoraggio e controllo del fenomeno dello sfruttamento della prostituzione (nella foto uno dei finti centri massaggi scoperti nei mesi scorsi tra Domo e Verbania) di matrice cinese con l’impiego di connazionali, soprattutto clandestine, provenienti dalla Cina meridionale, la Squadra Mobile della Questura del Vco ha individuato e assicurato alla giustizia una cittadina cinese resasi responsabile dell’avvio e della gestione di almeno cinque case di prostituzione dislocate sul territorio di Domodossola.
Fuxian Yin, 45 anni, è stata tratta in arresto su provvedimento applicativo di misura cautelare emesso dal Gip del Tribunale di Verbania, aveva da poco trasferito la propria base operativa a Verbania, dove coadiuvava il figlio gestore di un esercizio pubblico riuscendo, comunque, a mantenere il controllo dei propri affari legati al mercato della prostituzione sulla piazza ossolana.
“Nell’ambito delle investigazioni che hanno portato all’emissione della misura, nonché all’atto dell’arresto, la Polizia – si legge in una nota della questura – ha eseguito perquisizioni presso le abitazioni nella disponibilità della donna e delle sue “dipendenti” nell’ambito delle quali sono state rinvenute le prove della commissione del reato”.
In particolare – spiegano dalla Mobile -, gli appartamenti interessati sono risultati almeno cinque, tutti riconducibili all’arrestata locati da ignari proprietari alla donna che popolava tali siti di connazionali clandestine dedite al meretricio.
Sono stati sottoposti a sequestro diversi giocattoli erotici impiegati nelle performance a pagamento, confezioni all’ingrosso di preservativi e 9000,00 euro in denaro.
La cittadina cinese già nel 2010 era stata segnalata in quanto esercitava in proprio la prostituzione nel comune di Domodossola. Ora si trova in carcere di Vercelli.

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

funerale-roberto-fantone