Aggiornato al 18 Aprile 2024

Ode ai frontalieri dimenticati

Partono alla mattina presto, molto presto e trovano sulla strada, attenti alle loro infrazioni, i vigili urbani dei comuni attraversati dalla S.S. 34 del lago Maggiore. Posti di blocco, appostamenti, telecamere e …multe salate.
Dopo una giornata di duro lavoro (c’è chi raggiunge per lavorare paesi lontani della valle Maggia,Verzasca e chi invece è più fortunato e va a lavorare a Locarno, Lugano, Bellnzona insomma da una a due ore di macchina), c’è il ritorno a casa. Sulla via di casa sono però spariti i vigili urbani e gli attraversamenti dei paesi diventano impossibili. Cannobio è una trappola per topi proprio come vengono definiti amorevolmente i frontalieri dai leghisti ticinesi. Cosa fanno gli amministratori, i politici locali e cosa hanno fatto per migliorare la loro condizione? Hanno costruito strade alternative?circonvallazioni? Hanno istituito treni, battelli per migliorare i loro trasferimenti?Hanno costruito gallerie come nella vicina confederazione per adeguare le strade al traffico sempre più intenso? Nulla di tutto ciò: hanno ignorato e ignorano la loro condizione dei lavoratori. Migliaia nel Vco a salvare l’economia locale con i loro salari, mantenendo con i loro sacrifici un territorio allo sfascio, senza posti di lavoro, male amministrato dove si parla tanto ma di fatti concreti non se ne vedono. Coraggio frontalieri. Un abbraccio.

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

IMG-FALL
longoborghini-per-sito