Aggiornato al 23 Aprile 2024

In 20mila sui banchi nel Vco

19.730 alunni, per 2200 insegnanti e 650 tra assistenti amministrativi, tecnici e collaboratori scolastici distribuiti in 116 sezioni di scuola per l’infanzia, 374 classi di scuola primaria, 203 di medie e 326 di istituti superiori. Sono i numeri forniti dalla Provincia per descrivere la realtà scolastica del Verbano Cusio Ossola, che il prossimo martedì 10 settembre riprenderà il proprio lavoro a pieno ritmo, al rintocco della prima campanella dell’anno 2013-2014.
“A tutti gli alunni e alle loro famiglie, così come a tutti i lavoratori del mondo della scuola provinciale vanno i nostri auguri affinché il nuovo anno scolastico siano mesi d’impegno corrisposti dalla giusta gratificazione” dichiarano in una nota il presidente Massimo Nobili, l’assessore all’Istruzione Claudio Cottini e quello all’edilizia scolastica Gianpaolo Blardone (foto).
Quest’ultimo spiega: “Non sono stati risolti nei tempi che ci eravamo dati alcuni nodi aperti purtroppo da lunghi anni, come la nuova sede dell’Istituto Maggia di Stresa. Avremmo voluto inaugurare questo anno scolastico con almeno la posa della prima pietra e invece stiamo ancora attendendo – confidando possa essere sottoscritto a brevissimo – l’accordo di programma che doti l’Amministrazione Provinciale di quei fondi regionali supplementari per poter aprire il cantiere almeno entro il prossimo inverno. Omegna vara questo anno scolastico con il nuovo polo liceale: stanno procedendo i lavori di realizzazione dell’adiacente auditorium, quasi ultimato, mentre anche per la sua palestra si sta attendendo la sigla dell’accordo di programma con la Regione. Intanto, in maniera provvisoria, gli studenti del liceo omegnese potranno svolgere le lezioni di educazione fisica in una struttura temporanea che la Provincia quest’estate ha recuperato e sta allestendo nelle vicinanze della scuola. Vorrei inoltre evidenziare l’impegno di questa Amministrazione a perseguire una strada certamente non facile, cercando di garantire le corse delle autolinee anche il sabato, ben comprendendo come una scuola quale l’Istituto Cobianchi, che ormai sfiora i 2000 allievi, non possa concentrare tutta la propria attività didattica in cinque giorni. Un problema che ritengo, tuttavia, sia solo momentaneamente accantonato, ma che si ripresenterà in futuro, magari quando non sarà più questa Provincia il soggetto deputato a dover intervenire nella soluzione di questo e di altri problemi”
Il nuovo anno scolastico si riprende anche con il completamento di altri lavori in corso d’opera come l’Istituto Agrario di Crodo: “entro la fine del mese – spiega Blardone – dovremmo poter consegnare una sede praticamente del tutto ristrutturata. Per gli spogliatoi della palestra dell’Istituto Marconi di Domodossola consegna prevista per metà mes, a metà ottobre la posa della pensilina di copertura dell’area di accesso.

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

tir-bloccato-in-centro-a-domo-1