Aggiornato al 18 Aprile 2024

Slot, decideranno i sindaci

“Oggi la Camera dei Deputati ha approvato la delega fiscale al Governo che introduce norme più severe per il gioco d’azzardo, a partire dalla riduzione delle slot machine e delle sale gioco, dal riconoscimento del ruolo dei sindaci nelle autorizzazioni e nella pianificazione della dislocazione delle sale gioco e dall’istituzione di un Fondo per la cura delle persone affette da Gap, gioco
d’azzardo patologico”. Ad annunciarlo è il deputato del Pd e sindaco di Vogogna, Enrico Borghi. La delega fiscale prevede la riorganizzazione e la riduzione dell’intera rete di gioco attraverso criteri che vanno dall’osservazione di distanze minime dai luoghi sensibili, come scuole e centri giovanili, per l’apertura di nuovi punti gioco al riconoscimento pubblico per quegli esercizi che si impegnano a rimanere senza slot machine, passando per un aumento della tassazione su tutti i giochi. «Fondamentali – sostiene Borghi – poi sono le nuove norme, proposte dal Pd, riguardanti il ruolo dei sindaci nell’ambito del processo autorizzatorio che potranno pianificare l’apertura di nuove sale e l’installazione di apparecchi da gioco sulla base di un regolamento comunale che sarà vincolante per l’autorizzazione finale, nonchè il divieto introdotto con un emendamento del collega Basso e mio, per il divieto di pubblicita’ dei giochi nelle fasce orarie protette».

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

IMG-FALL
longoborghini-per-sito