Aggiornato al 8 Dicembre 2023

Capodanno, pericolo incendi: attenti ai botti

Stato di massima pericolosità per gli incendi boschivi su tutto il territorio regionale piemontese disposto da oggi venerdì 30 dicembre dal settore Protezione civile e Sistema antincendi boschivi della Regione Piemonte, in seguito alle condizioni meteorologiche (non piove da diversi giorni) in atto e previste per i prossimi giorni.
Con questa misura, la legge vieta le azioni che anche solo potenzialmente possono determinare l’innesco di un incendio: accendere fuochi, usare apparecchi a fiamma od elettrici per tagliare metalli, usare motori, fornelli che producano faville o brace, accendere fuochi d’artificio, fumare, disperdere mozziconi o fiammiferi, lasciare veicoli a motore incustoditi a contatto con materiale vegetale combustibile o compiere ogni altra operazione che possa creare dei pericoli di incendio.

Perciò è molto pericoloso nella notte di San Silvestro nello sparare petardi, razzi o simili oggetti pirotecnici. Peraltro molti Comuni, secondo un’indagine condotta da Legambiente, 49 tra le 85 città piemontesi con più di 8 mila abitanti – tra cui tutti gli 8 capoluoghi- hanno emanato specifiche ordinanze o regolamenti in cui i botti sono vietati.

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

IMG-FALL