Aggiornato al 29 Maggio 2024

Autostrasportatore scoperto a evadere oltre mezzo milione di euro

Oltre mezzo milione di euro di ricavi nascosti al fisco e più di centomila euro di iva è quanto scoperto dalla Guardia di Finanza di Domodossola al termine di una verifica fiscale eseguita nei confronti di un imprenditore ossolano esercente l’attività di trasporto merci su strada.
“L’evasione – sostengono le Fiamme gialle – è stata perpetrata mediante un sistema di doppia contabilità; infatti sebbene la contabilità, a prima vista, potesse sembrare regolare, così non è stato quando i finanzieri della Compagnia domese hanno cominciato ad incrociare i dati con i clienti dell’imprenditore. Il contribuente verificato, da quanto è emerso dalle indagini, aveva creato a tutti gli effetti una contabilità “parallela”, infatti, a fronte di una prestazione resa, emetteva due esemplari della fattura, una per il cliente e una per la sua contabilità, peccato però che la seconda copia non era, come previsto, quella autoricalcante, ma proveniva da un blocchetto delle fatture non ufficiale.
Chiaramente lo scopo era quello di occultare ricavi all’erario. Infatti, mentre il documento fiscale consegnato al cliente rispecchiava fedelmente l’importo pattuito, quello che andava a registrare e quindi dichiarare indicava invece il 10% circa di quello effettivo. Addirittura, talvolta, emetteva la fattura soltanto per il cliente, chiaramente utilizzando il solo blocchetto “in nero”.
Il gioco del doppio blocchetto permetteva così di occultare materia imponibile per oltre mezzo milione di euro ai fini delle imposte sui redditi e dell’Irap e omettere il versamento di imposta sul valore aggiunto per più di centomila euro”.

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

IMG-FALL