Aggiornato al 23 Maggio 2024

L’ospedale Castelli rimarrà senza il Dea

Il capoluogo di Provincia non avrà più il Dea e non si nascerà più a Verbania. Queste (e molte altre) sono le conseguenze del declassamento dell’ospedale Castelli, previsto dal piano regionale per la sanità del Vco, presentato ieri al Tecnoparco dal presidente Alberto Cirio. L’ospedale del territorio – come è stato definito ieri – manterrà infatti un pronto soccorso h24, Medicina interna, Chirurgia generale, Ortopedia e Traumatologia, Anestesia e Rianimazione. L’ospedale nuovo di Domodossola, invece, avrà il Dea di primo livello, Medicina interna, Chirurgia generale, Ortopedia e Traumatologia, Anestesia e Rianimazione, Ostetricia, Ginecologia (solo se prevista per numeri di parto all’anno), Pediatria, Cardiologia con Terapia Intensiva, Oncologia, Oculistica, Otorinolaringoiatria, Urologia. Per il Castelli non pare previsto neanche un Country pediatrico.

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

messa-mottarone-per-vittime-2023