Aggiornato al 21 Febbraio 2024

“Liberiamo il Castelli”, la manifestazione oggi alle 15. Sull’iniziativa interviene la Lega

“Liberiamo il Castelli, ripristiniamo il nostro ospedale”: è questo lo slogan, l’appello degli organizzatori della manifestazione in difesa dell’ospedale di Verbania in programma per oggi, sabato 24 aprile, alle 15 all’ingresso del nosocomio in via Crocetta a Pallanza. Nel giorno della manifestazione torna a farsi sentire la Lega Vco: «Oggi pomeriggio, così apprendiamo dagli organi di stampa, è in programma una manifestazione davanti al Castelli, il cui slogan pare essere “liberiamolo”. Liberiamolo da cosa e da chi, ci chiediamo? Se ciò che si rivendica è che l’ospedale di Verbania ritorni a essere pienamente operativo tale passaggio, vale la pena sottolinearlo, è già stato ampiamente previsto e diverrà fattivo non appena possibile. Siamo nel mezzo di una pandemia mondiale e, benché si intraveda la luce in fondo al tunnel, dobbiamo farci i conti. Le prestazioni attualmente spostate nell’uno o nell’altro ospedale, sono solo ed esclusivamente per emergenza Covid. Tutto tornerà come prima. Non è dunque un po’ riduttiva la battaglia di chi attuerà il presidio? La Lega è da sempre schierata coi fatti e non con le parole a fianco degli ospedali del territorio, sin da quando nel lontano 2004 abbiamo dato vita alla lista provinciale “Difendi i tuoi ospedali”. Ma anche prima di quella data avevamo difeso il Castelli, all’epoca del referendum a Baveno contro l’ospedale di Piedimulera. E tutti i nostri ospedali li difendiamo ancora oggi con orgoglio, coi nostri parlamentari e amministratori. Da parte nostra seguiamo una linea e un primato di coerenza, e sfidiamo chiunque a dimostrare il contrario. A differenza di altri, non siamo mai stati per l’ospedale unico, che prevedeva la vendita e l’alienazione di Castelli e San Biagio, o per la costruzione di un plesso unico sul cucuzzolo di Ornavasso. Invitiamo pertanto tutti a uscire dalla logica secondo cui ognuno continua a recintare il proprio orticello: a Verbania si manifesta per il Castelli, a Domodossola per il San Biagio, a Omegna per il Coq. E’ un ragionamento errato: i nostri tre ospedali hanno senso di esistere proprio perché facendo sistema, insieme sono in grado di dare risposte efficienti alle esigenze sanitarie di una provincia morfologicamente complessa come il Vco».

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

drone
andrea-amabile