Aggiornato al 23 Maggio 2024

Il presidente della Provincia del Vco, Alessandro Lana, lascerà momentaneamente la reggenza dell’ente al vice Porini

«Non avrei voluto mettere in piazza la mia sfera privata, ma mi vedo costretto a farlo onde evitare strumentalizzazioni; da diverse settimane ho qualche problema di salute (fortunatamente curabile) che mi ha impedito finora di svolgere con la dovuta costanza il ruolo da presidente della Provincia e per questa ragione ho pensato più di una volta a dimettermi, sia per rispetto dell’ente che rappresento, sia perché la salute personale la devo mettere come priorità nella mia vita per me stesso e per la mia famiglia». Con queste parole il presidente Alessandro Lana è intervenuto la mattina di oggi, venerdì, con un lungo comunicato che fa chiarezza sulla situazioni di crisi in Provincia, dove si sono rincorse negli ultimi giorni voci sulle sue possibili dimissioni. Lana spiega che lascerà per qualche giorno la reggenza della Provincia a Rino Porini (suo vice), in attesa di capire le «tempistiche di una guarigione completa». La situazione in Provincia è esplosa nei giorni scorsi; nella giornata di ieri, giovedì, rivela Lana, era in programma una riunione con il gruppo di maggioranza: «Avrei voluto condividere con tutti i consiglieri le mie riflessioni per poi fare una scelta definitiva». Martedì è però giunta la lettera dei due consiglieri delegati Simone Racco e Chiara Pagani, entrambi del comune di Domodossola, con cui i due rimettevano le deleghe nelle mani del presidente, proprio per sollecitare una sua decisione. «La lettera – ammette Lana – ha un po’ destabilizzato la situazione anche perché si sarebbe potuto tranquillamente discutere ogni eventuale problema dopo due giorni insieme ai compagni di lista. Mi ero dato come scadenza questa settimana e avrei deciso anche dopo il confronto con i miei consiglieri e la mia famiglia che sta subendo questa situazione, ma altrettanto mi sta aiutando a non prendere decisioni affrettate». A breve, spiega ancora il presidente, «prenderò una decisione definitiva. Se sarò in grado di continuare e quindi la mia salute sarà in ripresa, farò un punto della situazione politico sia con il mio gruppo, sia con il gruppo di minoranza sia con i consiglieri Racco e Pagani, che ad oggi non ho capito che intenzioni abbiano, a quel punto se vi sarà una sfiducia politica pazienza fa parte del gioco e ne prenderò atto senza nessun problema. Spero con questo comunicato di aver chiarito che le mie paventate dimissioni con la restituzione delle deleghe dei due consiglieri della lista “Vco Provincia d’Europa” non sono in alcun modo collegate. Io finora per quel poco che ho potuto fare ho cercato di essere a disposizione di tutti e ho fatto svolgere il ruolo di coordinamento alla Provincia laddove mi è stato chiesto e l’ho fatto con massimo impegno quindi ho la coscienza più che a posto, poi come nella vita se ci saranno delle situazioni da chiarire sono il primo a non chiudere la porta a nessuno e anche a chiedere scusa quando riconosco un errore,  perciò per ora vado avanti con determinazione». Lana coglie anche l’occasione per ringraziare «Marco Stefanetta, il mio avversario alla competizione elettorale, al quale avevo confidato ciò che mi stava accadendo e mi è stato da subito molto vicino e insieme a lui ringrazio anche il gruppo di minoranza “Progetto Vco” che non ha speculato sulla situazione dimostrando la propria correttezza che del resto non ho mai messo in dubbio».

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

transumanza-per-sito