Aggiornato al 16 Giugno 2024

Corriere della droga sorpreso a Domodossola con 100 ovuli di cocaina nell’addome

Aveva ingerito un chilo e 200 grammi di cocaina purissima suddivisa in 100 ovuli che sperava di portare in Italia: una partita di droga che avrebbe fruttato, una volta rivenduta al dettaglio, centinaia di migliaia di euro. L’uomo, un corriere della droga internazionale di nazionalità nigeriana, però non ha fatto i conti con i militari della Guardia di finanza di Domodossola, che lo hanno fermato a bordo dell’Eurocity numero 57 proveniente da Basiliea e diretto a Milano. «Nulla da dichiarare»: questo ha risposto alle domande dei finanzieri, ma il suo comportamento ha destato più di un sospetto. Cercava di passare inosservato e di confondersi con altri passeggeri ma l’occhio attento dei militari ha notato un certo nervosismo. Alle richieste sui motivi del viaggio, l’uomo ha fornito risposte evasive e contraddittorie che hanno convinto i militari a farlo scendere dal treno per un confronto più approfondito su di lui. Qui, da un controllo delle banche dati, è emerso che il suo percorso per l’Italia aveva seguito una rotta del tutto “inusuale”. C’erano tutti gli elementi per pensare che si trattasse di un corriere della droga e siccome il suo bagaglio risultava pulito si è deciso, in accordo con l’autorità giudiziaria, di sottoporre il soggetto ad un controllo radiografico all’ospedale San Biagio di Domodossola. Esame che ha dato esito positivo: nel suo addome i radiologi hanno individuato un grande numero di “corpi estranei”. Dopo l’espulsione dei primi ovuli si è capito che si trattava di cocaina purissima: in tutto il corriere aveva ingerito 100 ovuli, mettendo anche a rischio la propria vita. «Il brillante risultato – dicono dalla Guardia di finanza – è stato reso possibile anche grazie al prezioso supporto medico-sanitario reso dal personale dell’ospedale civile San Biagio di Domodossola che ha collaborato con gli inquirenti per l’arresto del corriere nonostante le molteplici incombenze causate dall’emergenza epidemiologica».

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

giugno-domese