Aggiornato al 21 Febbraio 2024

Brovello Carpugnino, nel bosco rinvenuto un nascondiglio della droga

Porta la data del pomeriggio di ieri, giovedì, l’operazione congiunta messa in campo da Polizia, Guardia di finanza e Carabinieri di Verbania. I militari del Comando provinciale dell’Arma, assieme agli agenti della Questura e ad un’Unità cinofila delle Fiamme Gialle hanno dato vita ad un massiccio controllo dell’area boschiva che si trova nelle vicinanze  dell’uscita della A26 nel territorio di Brovello Carpugnino. L’obiettivo era finalizzato al contrasto dello spaccio di droga. «Negli ultimi tempi – si legge in una nota diffusa dai Carabinieri – la zona è stata attenzionata dalle forze dell’ordine che proprio lì avevano registrato la presenza di numerosi tossicodipendenti, tanto che nelle vie adiacenti all’area boschiva negli ultimi mesi sono stati effettuati complessivamente 33 sequestri amministrativi di sostanze stupefacenti ad altrettanti soggetti, poi segnalati all’autorità amministrativa quali assuntori. Inoltre, qualche giorno fa un cittadino straniero era stato fermato dai carabinieri del Radiomobile di Verbania e denunciato per spaccio con il conseguente sequestro della somma di 4.000 euro in contanti, ritenuta provento dell’attività di spaccio». A questo punto la decisione delle forze dell’ordine di compiere un rastrellamento dell’area boschive dove «si ritiene – hanno fatto sapere ancora dall’Arma – possano nascondersi gli spacciatori che, raggiunta quasi quotidianamente la zona probabilmente da fuori provincia, attendono i compratori uscendo allo scoperto solo per lo scambio di droga/denaro». Come detto il controllo è stato effettuato da Carabinieri, Polizia e Guardia di finanza con lo scopo di individuare le aree in cui gli spacciatori si nascondono e dove occultano la droga. Il servizio ha dunque permesso di «individuare alcuni punti di stazionamento dei “pusher”. Sono stati rinvenuti dei bivacchi realizzati con tende usate come base logistica, nonché tracce di fuochi e cibo consumato. Inoltre è stato rinvenuto, a poca distanza, con l’ausilio del cane antidroga Clay della Guardia di finanza un nascondiglio dove si trovavano 40 grammi di cocaina e 30 grammi di eroina (foto), nonché materiale vario per la pesatura ed il confezionamento della droga». 

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

drone
andrea-amabile