Aggiornato al 19 Giugno 2024

L’aereo precipita e prende fuoco. Il domese Gianni Daverio salvo per miracolo

«Tutto è durato non più di tre secondi: l’aereo era in fase di decollo, si è alzato di un metro da terra e ha “imbardato” verso sinistra; l’amico che lo pilotava ha perso il controllo e si è schiantato a 100 km/h contro un’auto parcheggiata». La voce di Giovanni Daverio, per tutti Gianni, è tranquilla, ma lui stesso nel raccontare l’episodio che lo ha visto protagonista sabato 10 giugno a Trento è consapevole di essere vivo per miracolo. Era andato in compagnia di un amico lombardo, Gian Luca Tronconi, 78 anni, ad un raduno di piloti di montagna nei pressi di Trento, a Bleggio Superiore, organizzato al campo volo dell’Avioclub terme di Comano. Erano a bordo dell’ultraleggero dell’amico, pilota esperto da 50 anni. Forse un errore di valutazione in fase di decollo ha determinato lo schianto. (Articolo completo su Eco Risveglio in edicola)

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

giancarlo-conte-ok