Aggiornato al 16 Giugno 2024

Al via domani la Festa dell’Unità alla Lucciola

Domani, sabato 5 agosto, sarà di nuovo Festa dell’Unità alla Lucciola a Villadossola. Un appuntamento che si ripete dal 1946 e che vede una carrellata di incontri politici, iniziative sportive, appuntamenti musicali, balera, cucina e griglia, fino al 15 agosto. Una lunghissima immersione in un ambiente che «vuole essere d’apertura – spiega Alice De Ambrogi, segretaria provinciale del Pd – e quindi come gli altri anni ospiteremo esponenti politici di altri partiti. Non siamo arroccati, ma aperti al confronto, fuori e dentro al partito laddove le correnti significano visioni di vita, idee, proposte». Da segnalare, tra gli altri, in questa prima settimana di Festa, l’appuntamento domenica 6 agosto alle 18 per parlare di “politiche economiche del Pd”. Intervengono Antonio Misiani, responsabile dell’Economia, segreteria nazionale Pd, Paolo Furia, membro direzione nazionale, e la segretaria De Ambrogi. Si parlerà di lavoro, Europa e ambiente: le sfide del Pd nel Partito Socialista Europeo, lunedì alle 18, con Chiara Gribaudo, deputata Pd e vice presidente nazionale Pd, e Brando Benifei, parlamentare europeo e Capo delegazione Pd. «Il tentativo è sempre quello di porre una luce su alcuni temi che ci stanno particolarmente a cuore, dal lavoro all’ambiente e, in ambito locale passando per la sanità, con il dibattito per esempio di giovedì 10 agosto sulla riorganizzazione della sanità nel Vco». Intervengono Silvia Marchionini, sindaca di Verbania, e Alberto Preioni, consigliere regionale del Piemonte capogruppo Lega per Salvini Premier; modera il direttore di Eco Risveglio, Tiziana Amodei. «Chiediamo molto ai nostri volontari – continua De Ambrogi – perché partecipare alla festa significa togliere tempo alla famiglia e al lavoro, ma è importante ricordare il motivo per cui lo facciamo e anche quest’anno, ci attesteremo intorno alla sessantina di volontari». E’ indiscutibile che storicamente, ma in particolare negli ultimi anni, il centrodestra, in special modo in Ossola, abbia avuto più successi elettorali. «Inutile nasconderlo, sappiamo che il Vco è un territorio complicato – continua De Ambrogi – ecco perché la Festa dell’Unità può essere e deve essere un buon modo per dimostrare il cambiamento di rotta: siamo stati accusati di essere il partito delle ztl, non era così e non lo è ora, ancora di più e lo dimostriamo con l’impegno, anche dei rappresentanti nazionali, sul territorio provinciale». Se la parola d’ordine è confronto, insieme ad apertura, quali sono oggi i luoghi deputati, a parte la festa, dato che pare siano finiti i tempi delle “tribune politiche”? «A onor del vero il Pd resta uno dei pochi partiti ad avere ancora sedi, dunque luoghi, e momenti di dibattito, anche interno. Chi vuole avvicinarsi al partito può farlo partecipando alle assemblee che indiciamo periodicamente e anche su temi specifici qualora ce ne sia l’esigenza». Non resta che spulciare il programma per trovare tra le tante proposte quella che interessa di più ricordando che all’interno dell’area spettacoli, ogni sera sarà possibile ascoltare una band. Gli organizzatori sono riusciti a spaziare tra i generi più disparati. «Vogliamo – chiude De Ambrogi – che la Festa dell’Unità sia per tutti: vi aspettiamo».

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

giugno-domese