Aggiornato al 17 Aprile 2024

Domenica celebrazioni per l’anniversario della Repubblica dell’Ossola

Torna l’anniversario della Repubblica dell’Ossola. Domenica saranno passati 79 anni dalla guerra combattuta nei boschi o a suon di manifesti murari in Ossola. 79 anni dall’esperimento di una giunta di Governo che includendo tutti i colori, preti e comunisti, è stata radice ed embrione della nostra Costituzione. Le celebrazioni inizieranno con la consegna, alle scuole medie intitolate proprio a una delle protagoniste di quei giorni, Gisella Floreanini (prima ministro donna in Italia) del “Premio Repubblica Partigiana dell’Ossola”. A consegnare il riconoscimento, il sindaco Lucio Pizzi. Il premio, la riproduzione in scala del monumento dedicato alla Resistenza Ossolana realizzato dallo scultore e pittore ossolano, Giuliano Crivelli, andrà nelle mani di Adolfo Mignemi. Molti ricorderanno questo nome per averlo letto su libri o come riferimento in numerose ricerche: suo il merito di aver indagato un settore spesso dimenticato ma fondante nella storia della Liberazione, e non solo: quello della comunicazione e in particolare della fotografia. Fotografia intesa come documento che si fa testimonianza storica, ma anche strumento di analisi della matrice culturale dietro ad uno scatto. Lo studioso novarese ha ricoperto numerosi ruoli istituzionali, responsabile della ricerca presso l’Istituto storico della Resistenza nel Novarese e nel Vco, poi responsabile dell’Archivio Storico della Banca Popolare di Novara e componente della Commissione Archivi dell’Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia “Ferruccio Parri” e della Rete degli istituti storici della resistenza. Domenica 8 ottobre l’appuntamento è per le 10.30 in piazza Repubblica dell’Ossola: ricevimento delle autorità e onori al Gonfalone della Città di Domodossola (decorato di medaglia d’oro al valor militare e ai Medaglieri); formazione del corteo; sfilata per le vie cittadine in corso Fratelli Di Dio e Paolo Ferraris, per poi arrivare in piazza Matteotti. Nei pressi del monumento alla Resistenza realizzato da Crivelli, recentemente ricordato con una mostra a Casa De Rodis, alzabandiera, deposizione della corona, saluto delle autorità; orazione ufficiale a cura di Giovanni Antonio Cerutti (tra l’altro Componente comitato scientifico Istituto storico della Resistenza).

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

A26-per-sito