Aggiornato al 23 Maggio 2024

23enne rapina un’anziana a Gravellona Toce, poi compra droga e sigarette. Arrestato dai Carabinieri

Prima l’ha tenuta sotto controllo seguendola, poi l’ha aggredita alle spalle spintonandola, fino a farla cadere a terra, per poi rubarle la borsetta con i soldi in contanti che aveva appena prelevato. Ma la fuga del 23enne residente nel Cusio è durata poco. L’uomo, volto noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato dai Carabinieri della Sezione Operativa e Radiomobile della Compagnia di Verbania con l’accusa di rapina. Erano circa le 16 di ieri, mercoledì, quando una donna di 76 anni è uscita da una banca di Gravellona Toce dove si era recata per prelevare del denaro allo sportello automatico. L’anziana, che non poteva immaginare che poco lontano il 23enne la stava osservando, si è poi diretta verso casa. Ed è in corso Roma che il cusiano l’ha aggredita alle spalle afferrandole la borsetta, poi per avere la meglio sulla donna che ha opposto resistenza non si è fatto problemi a strattonarla fino a farla cadere rovinosamente a terra, per poi darsi alla fuga con il bottino attraverso il tunnel che costeggia la banca fino al parchetto che si trova dietro al municipio. Da lì si è diretto verso l’ufficio postale, per poi infilarsi in un altro tunnel per spuntare in corso Sempione. Qualcuno che ha assistito all’aggressione ha subito dato l’allarme chiamando i Carabinieri, che si sono portati in forze sul posto per soccorrere la vittima e per mettersi alla ricerca del rapinatore. Sul posto si sono portati i militari della Stazione di Gravellona Toce, raggiunti poi dai colleghi del Nor di Verbania. «Sono stati minuti concitati – hanno fatto sapere dall’Arma -. E’ stato necessario lavorare velocemente per identificare l’aggressore e rintracciarlo nel più breve tempo possibile, iniziando dalle videocamere installate nel comune di Gravellona Toce. Nei video – hanno spiegato ancora i carabinieri – si è potuto vedere l’uomo aggredire la sua vittima e scappare subito dopo. Le telecamere hanno mostrato il 23enne attraversare via Liberazione all’altezza dell’ufficio postale e perdere un telefono cellulare. Forse credendo fosse il suo, è tornato indietro per raccoglierlo, ma accorgendosi che era quello della donna ha ripreso a scappare. Una volta arrivato in corso Sempione è salito su un’auto grigia ed è scappato in direzione di Ornavasso». Così dall’incrocio dei video di sorveglianza e dai lettori di targhe di tutti i veicoli in transito, i militari «sono riusciti a risalire alla targa dell’auto e al suo intestatario, una donna residente in provincia. Altre ricerche ed altri accertamenti hanno permesso di dare un nome e un indirizzo all’autore della rapina». A quel punto i carabinieri si sono portati sotto casa sua, ma senza trovarlo; così hanno atteso fino alle 19, quando ha fatto rientro nell’abitazione. L’auto, l’abbigliamento e il volto corrispondevano a quanto immortalato nei video. Alla vista dei militari il 23enne ha opposto resistenza «iniziando ad insultarli e a spintonarli – hanno fatto sapere ancora dall’Arma – fino a quando è stato immobilizzato ed arrestato. La perquisizione ha permesso di recuperare 460 euro in contanti, probabilmente ciò che restava dei 750 rubati alla vittima, ma anche piccole quantità di cocaina, eroina e hashish». A seguito di ulteriori indagini i carabinieri hanno accertato che il cusiano si era diretto a Castellana per acquistare la droga. Poi aveva speso 50 euro per una stecca di sigarette ed aveva persino fatto qualche giocata online. Ma non è tutto. Percorrendo l’autostrada non si è fermato a pagare il casello. Per lui è scattato l’arresto per rapina aggravata e resistenza a pubblico ufficiale. Su disposizione del pm di turno è stato messo agli arresti domiciliari in attesa di essere interrogato dal giudice. La refurtiva, invece, è stata posta sotto sequestro in attesa di poter essere riconsegnata alla 76enne, che nella caduta ha riportato solo delle leggere escoriazioni; per lei non sono state necessarie le cure mediche.

Play Video

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

transumanza-per-sito