Aggiornato al 25 Giugno 2024

Presentata la stagione invernale di Domobianca

La stagione invernale dello sci a Domobianca è stata presentata la mattina di mercoledì 6 dicembre nella sala storica del municipio. Il primo intervento è stato quello del sindaco Lucio Pizzi il quale ha ricordato: «Si tratta di un momento considerevole perché il Lusentino e Domobianca rappresentano, sia d’estate che d’inverno, un’importante promozione per la città. In quest’ultima stagione, causa i mutamenti del clima, gestire gli impianti diventa ogni anno una sfida. Uno sforzo che la società sta affrontando con grande serietà e auguro che da Vallesone in su quest’anno nevichi parecchio». Gli hanno fatto seguito Stefano Pioda in rappresentanza del Gruppo Altair e Federico Sciagata, direttore di Domobianca, i quali hanno comunicato che già dall’8 dicembre si può sciare nella parte bassa della stazione ben innevata, la seggiovia Motti, la sciovia Baby e il Tapis roulant, che si sta lavorando per la zona alta con la speranza che le temperature permettano di produrre la neve programmata e quindi aprire le restanti piste. Tutti gli anni la società investe negli impianti d’innevamento e in futuro tutte le piste saranno servite dagli appositi cannoni. Si sta anche investendo molto sull’efficientamento energetico con una serie di pannelli fotovoltaici per abbattere sempre di più i costi energetici. La grande novità di questa stagione è il nuovo albergo in sostituzione del vecchio rifugio dove sono previsti oltre a una serie di servizi, una Spa e 16 camere. I lavori sono già iniziati da oltre un mese e la sua entrata in funzione è prevista per il prossimo inverno. Una struttura che si inserisce perfettamente nell’ambiente. Altra cosa nuova la collaborazione, unica località piemontese, con Trenord. Da gennaio sarà possibile raggiungere Domobianca in treno partendo dalle stazioni Centrale e Garibaldi di Milano. Da Domodossola una navetta della società trasporterà al Lusentino gli sciatori riportandoli poi in stazione a fine di giornata. Le tariffe giornaliere sono leggermente aumentate. Con l’apertura completa degli impianti i festivi costeranno 38 euro, 31 i ridotti per under 14, over 65 e residenti a Domodossola, e 30 euro i feriali, 24 i ridotti. Da venerdì 29 dicembre sarà possibile sciare anche in notturno dalle 19 alle 23 sulla pista illuminata. Il noleggio degli sci, il Luse Bar e la baita Motti sono invece già aperti.

Anche la scuola di sci è partita e saranno ben i 50 maestri di cui 4 recentemente abilitati. Inoltre, causa la chiusura degli impianti, ci sarà una collaborazione con San Domenico. Una parte dei loro maestri verrà a Domobianca con gli allievi in modo da non interrompere la loro attività. Tanti gli eventi in programma durante la stagione; fra questi tutti i sabati ci saranno momenti di allegria con gli après ski al Luse Bar, poi il 22 dicembre la festa con Back to the roots che suonerà musica per i più giovani, il 26 Babbo Natale arriverà con gli sci, il 6 gennaio la Befana atterrerà sulle piste dal cielo, mentre la notte di San Silvestro il rifugio Baita Motti ospiterà il cenone di Capodanno. Ha coordinato l’incontro Maurizio Trezzi dell’agenzia milanese StrategyCom che si occupa di comunicazione per Domobianca.

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

foto-per-sito-controlli-cc