Aggiornato al 25 Giugno 2024

Tumore al pancreas. Un sostegno alla ricerca nel nome di Monia

Le iniziativa in ricordo di Monia Morganti, la 51enne morta lo scorso 24 luglio a causa di un male aggressivo, conosciuta in paese dove viveva con la famiglia, ma anche a Villadossola (sua città d’origine) e a Domodossola, non si sono fermate. Il tumore al pancreas si era manifestato soltanto otto mesi prima, per poi farle perdere la dura battaglia e toglierla all’amore del marito Pier Luigi Strola, dei figli Arianna, Federico e Chiara e della sorella Tamara con la sua famiglia. Ed è nel suo nome che subito era stata organizzata una raccolta fondi il cui ricavato è stato donato alla Fondazione Ricerca Molinette ets, guidata dal professor Francesco Novelli. E’ lui il responsabile del laboratorio di Immunologia dei tumori del Centro di ricerca in medicina sperimentale dell’ospedale Molinette di Torino. «Volevamo ringraziare tutte le persone che sono sempre state vicine a Monia – dicono dalla famiglia – e lo hanno dimostrato ancora una volta, soprattutto ora che la sua mancanza è così forte. Alla raccolta di fondi in sua memoria hanno partecipato moltissimi amici, familiari e anche sconosciuti e insieme abbiamo raggiunto, in poche settimane, la somma di ben 5.709,15 euro. Questo grande gesto di generosità contribuirà alla ricerca che siamo sicuri, un giorno, potrà aiutare persone e famiglie come la nostra, che si troveranno a combattere contro questo brutto male». A seguito della donazione sono arrivati, attraverso una lettera, i ringraziamenti di Massimo Segre, presidente della Fondazione: “Desidero esprimere la mia sincera gratitudine a nome dell’Ospedale Molinette, della Fondazione e dell’intera comunità medica e scientifica, per la generosa donazione da voi fatta in memoria della cara Signora Monia Morganti”.

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

foto-per-sito-controlli-cc