Aggiornato al 13 Giugno 2024

Il liceo Cavalieri si aggiudica un doppio premio

Sono due i prestigiosi traguardi che gli studenti del liceo Cavalieri hanno raggiunto in questi giorni e che ripropongono l’istituto scolastico verbanese quale struttura culturale e d’innovazione didattica. Il primo riguarda la selezione effettuata dal Comitato Resistenza e Costituzione della Regione Piemonte della classe 5ª liceo Classico quale vincitrice della 43ª edizione del concorso “Progetto di storia contemporanea”. Nel bando del concorso venivano proposte tre tracce a tematica di storia contemporanea da svolgere, tra le quali gli studenti del liceo Cavalieri hanno scelto “Democrazie prima della Repubblica” con riferimenti alle repubbliche partigiane. «Ci siamo trovati agevolati – ha detto il professor Walter Temi, che ha seguito i ragazzi nell’elaborazione del progetto – in questo territorio vicino all’Ossola. Si è avviata subito una collaborazione con la Casa della Resistenza e i ragazzi hanno prodotto un soggetto per la realizzazione di un cortometraggio e un breve promo di presentazione». Il promo è stato girato dai ragazzi a Domodossola davanti al municipio dove è istallata la targa che ricorda la Repubblica Partigiana dell’Ossola. «Gli studenti hanno approfondito la figura di Gisella Floreanini – ha aggiunto Walter Temi – prima ministra donna in Italia». Durante i giorni della Repubblica dell’Ossola, Gisella Floreanini assunse infatti l’incarico di commissaria di Governo e fu quindi considerata la prima donna ad avere di fatto la carica di ministra in Italia, quando alle donne non era neppure riconosciuto il diritto di voto. Nelle prossime settimane esperti della sezione Aiace (Associazione italiana amici del cinema d’essai) di Torino seguiranno gli allievi nella preparazione del cortometraggio, basato sul loro soggetto, che verrà proiettato al Salone del Libro di Torino durante la cerimonia di premiazione. Negli stessi giorni la Consulta Europea della Regione Piemonte ha decretato la vittoria degli alunni di 4ª liceo Classico Arianna Allievi, Giulia Curatitoli, Elisa Guzzi e Giulia Morino nella 40ª edizione del concorso “Diventiamo cittadini europei”. Gli studenti, sempre coordinati dal professor Walter Temi, hanno prodotto un elaborato sul tema della guerra in Ucraina, impreziosito da un’intervista a una famiglia di profughi di guerra. «Il progetto prevedeva due tracce – spiega il professor Temi – tra le quali le ragazze hanno scelto quella che riguardava l’invasione russa dell’Ucraina. A tal fine hanno intervistato una famiglia di profughi a Cannobio e hanno costruito un elaborato che trattava il conflitto nella sua genesi». Premio del lavoro sarà un viaggio a Strasburgo, iniziato l’11 marzo, e che si concluderà oggi, giovedì 14; il viaggio prevede anche due giornate di formazione al Parlamento Europeo. «Sentendo i racconti del nostro insegnate di storia e filosofia, il professor Temi – ha detto Elisa Guzzi, che ha già avuto l’opportunità di vivere questa esperienza a Strasburgo – abbiamo aspettative abbastanza alte. Questo è un viaggio diverso: oltre ad avere l’occasione di ammirare la graziosa città di Strasburgo, avremo l’opportunità di visitare il Parlamento Europeo all’intero e entrare in contatto con importanti figure parlamentari e comprendere da molto vicino i loro compiti. Questo viaggio sarà sicuramente significativo per la scelta della strada futura: diplomate al liceo Classico chissà che non si voglia intraprendere un’università di Scienze politiche. E se anche così non fosse, sarà un’occasione per comprendere meglio cosa vuol dire far parte dell’Unione e il nostro ruolo come cittadini».

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

albertella