Aggiornato al 12 Luglio 2024

Riaperto il Dea dell’ospedale Castelli di Verbania

E’ stato riaperto alle 8 di questa mattina il Dea dell’ospedale Castelli di Verbania, che ha così potuto riprendere l’attività di pre-triage dopo la sanificazione dei locali che si era resa necessaria vista la presenza di un paziente che era risultato positivo al Coronavirus. Si era presentato al nosocomio nei giorni scorsi con sintomi che non avevano a che fare con il Covid-19 e dopo aver fatto il pre-triage da protocollo era stato ricoverato in Medicina. Poi l’aggravamento del paziente e la comparsa dei sintomi riconducibili al virus in questione avevano portato i sanitari ad effettuare il tampone, risultato positivo. Da lì a poco il trasferimento all’ospedale di Vercelli dove vengono trattati i casi di Coronavirus. 

L’Asl Vco ha fatto inoltre sapere che l’attività di screening del “Progetto Serena” in relazione all’emergenza Covid-19 è stata rimodellata. Sospesa l’erogazione delle mammografie e dei prelievi cervice-vaginali previsti per il primo livello di screening dei tumori della mammella e della cervice uterina. Sospesa, inoltre, l’erogazione delle prestazioni rettosigmoidoscopia di screening, mentre vengono mantenuti gli esami di approfondimento screening delle colonscopie di 2º livello per sangue occulto positivo o delle rettosigmoidoscopie risultate positive già eseguite.

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

IMG-20240712-WA0009-1