Aggiornato al 23 Settembre 2023

Tre casi sospetti di Coronavirus a Borgo Ticino

Se ne parlava da qualche giorno, nel pomeriggio di ieri, giovedì 27 febbraio, la conferma: tre persone appartenenti alla stessa famiglia di Borgo Ticino con sintomi influenzali sono state trasferite all’ospedale Maggiore di Novara, in quanto il capofamiglia, per ragioni di lavoro, nei giorni precedenti era venuto a contatto con un paziente conclamato di Coronavirus. Alessandro Marchese, sindaco di Borgo Ticino, sta attendendo disposizione dall’Asl di Novara. Non si è ancora attivato il protocollo previsto per le zone dove ci sono focolai conclamati. «Non vogliamo creare allarmi anzitempo, si tratta di madre, padre e un figlio di sette anni. Il capofamiglia lavora a Vigevano ed è venuto in contatto con un collega che ha contratto il Coronavirus. Qualche giorno fa hanno avuto i primi sintomi di influenza con febbre, per cui il capofamiglia si è rivolto ai medici dell’Asl e dopo un primo ricovero in ospedale sono stati trasferiti al Maggiore».

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

viabilita-domo
IMG-FALL