Articolo

18 marzo 2017 CANNOBIO m.ca.

Frana davanti ai Castelli di Cannero: un morto e strada chiusa

Cronaca
Morto un centauro ticinese, classe 1949, al km 30 della Strada Statale 34 nel Comune di Cannobio. Poco dopo le 12 una serie di massi si è staccata, per cause al vaglio degli operanti, dal versante montano cadendo sulla sede stradale. Un centauro su una moto con targa elvetica e due giovani su un’auto, un'Alfa Romeo Mito con targa italiana, sono rimasti coinvolti. Per il centauro non c’è stato nulla da fare. Salvi i due occupanti dell’auto, solo lievemente feriti e medicati all'ospedale Castelli di Verbania. Immediato l’intervento dei soccorsi. Sul posto i carabinieri di Verbania per i rilievi con il personale ed il capitano Fabio Volpe, il tenente Christian Tapparo, il maresciallo Mignogna di Cannobio. Il sindaco Giandomenico Albertella è giunto immediatamente sul posto insieme alla polizia municiapale ed alle squadre di soccorso ed è stato tutto il giorno sulla sede stradale. Intervenuto anche Aldo Reschigna, vicepresidente della Regione, ed il responsabile di Anas oltre alle squadre del soccorso alpino, rocciatori, Aib, Croce rossa, vigili dle fuoco, protezione civile. Sul posto anche l’elicottero del 118. Sul versante, di oltre 100 metri, in un tratto rettilineo davanti ai castelli di Cannero, si sta procedendo ad una verifica e valutazione della situazione del rischio di nuovi cedimenti. La statale resta chiusa a tempo indeterminato. L’unica strada d’accesso a Cannobio è la Valle Vigezzo-Valle Cannobina. Si stanno approntando corse speciali della navigazione. Appena se ne saprà di piu’ saranno comunicate nuove notizie ufficiali. Sul posto anche il geologo Italo Isoli ed il geologo Paolo Millemaci. Fotogallery di Mauro Cavalli