Aggiornato al 15 Luglio 2024

Pontili abusivi sul lago scoperti dalle Fiamme Gialle

La Guardia di finanza, nel corso dei mesi di marzo e aprile, ha condotto controlli su attività turistico-ricettive e cantieristiche navali lungo le rive del Lago Maggiore, nei comuni di Baveno, Sesto Calende e Castelletto Sopra Ticino. Le ispezioni, effettuate dal Nucleo navale dei finanzieri di Cannobio, hanno rilevato irregolarità, tra cui mancato accatastamento di cinque pontili e 92 strutture in legno, che suppur catalogate come “case mobili” sono risultate stabili al terreno e collegate a reti idriche, elettriche e fognarie. La Finanza ha contestato ai proprietari il mancato accatastamento ed evasioni fiscali per Imu, canoni demaniali e Tari per un totale di circa 221mila euro nell’ultimo quinquennio, di cui 166mila euro di Imu, 50mila di canoni demaniali e 5mila di tassa rifiuti.

CONDIVIDI

ARTICOLI RECENTI

pressentazione-eventi-estivi-arona-1
fonti-bognanco